Notizie

IL BELCANTO RITROVATO

Notizie

24 agosto - 10 settembre 2022

La riscoperta e il recupero di un patrimonio musicale italiano di straordinario valore. È con questo obiettivo che nasce il Festival nazionale Il Belcanto ritrovato, che dal 23 agosto al 10 settembre 2022, farà risuonare le note di grandi compositori del passato in alcuni dei bellissimi teatri della regione Marche.
Il Belcanto è un’invenzione tutta italiana, una vera specialità ante litteram del “made in Italy”, quasi un marchio Doc. La rassegna, alla sua prima edizione, intende far conoscere a curiosi ascoltatori le opere di compositori italiani tra il 1800 e il 1850, prediligendo farse, opere buffe o semiserie.
Nella prima metà dell’Ottocento il melodramma in Italia attraversa, infatti, uno dei periodi di massimo successo: il pubblico affolla sempre più i teatri, la richiesta di titoli sempre nuovi continua a crescere, così come il numero di compositori.

L’edizione 2022 del Festival, se da un lato, focalizza l’attenzione sul piemontese Pietro Generali (1773-1832), con la messa in scena della farsa “Cecchina suonatrice di ghironda”, dall’altro dispiega tutta la ricchezza e la qualità espressiva del Belcanto italiano con altre quattro produzioni concertistiche, in cui saranno eseguite musiche di Balducci, Briccialdi, Carafa, Corticelli, Giovanni, Mercadante, Nini, Pacini, Paër, Pavesi, Persiani, Portugal, Raimondi, Soliva, Spontini, Vaccaj, Zingarelli, e molti altri compositori tra i più applauditi dell’epoca.

PROGRAMMA

Mercoledì 24 agosto il Festival fa tappa al Teatro della Fortuna di Fano, dove nell’ambito del progetto “Fuori il sipario”, va in scena il concerto “Il Belcanto marchigiano”, con musiche di G. Balducci, A. Nini, G. Persiani, N. Vaccaj, G. Spontini e altri compositori marchigiani dell’epoca del Belcanto.

Giovedì 25 agosto il Festival torna al Teatro Rossini di Pesaro con il concerto “La musica dei grandi teatri”. L’Orchestra Sinfonica G. Rossini sarà diretta da Michele Nitti, considerato uno dei più talentuosi direttori d’orchestra italiani della sua generazione, su musiche di P. Generali, S. Pavesi, C.E. Soliva, G. Spontini, P. Raimondi e altri. Per questo appuntamento i solisti saranno selezionati dall’Accademia d’Arte Lirica di Osimo.

Venerdì 26 agosto il Festival approda a Urbino, altro tesoro marchigiano, il cui centro storico è stato proclamato Patrimonio Unesco: al Teatro Sanzio va in scena “Belcanto ensemble” con musiche di G. Briccialdi, G. Corticelli, D. Giovanni, G. Pacini, C.E. Soliva.

Sabato 27 agosto secondo appuntamento urbinate nella meravigliosa cornice di Palazzo Ducale. L’Orchestra Sinfonica G. Rossini diretta da Daniele Agiman, insieme ai solisti dell’Accademia rossiniana “Alberto Zedda”, si esibisce in “Una sera a teatro”: musiche di M. Carafa, S. Mercadante, F. Paër, M.A. Portugal, N.A. Zingarelli e altri.

Domenica 28 agosto il concerto “Belcanto ensemble” sarà replicato in un’altra location particolarmente suggestiva: l’ex Chiesa di San Francesco, a Fano, complesso architettonico che vanta all’ingresso le Tombe della famiglia Malatesti, caratterizzato dall’assenza del tetto che gli conferisce un fascino del tutto particolare.

Il Festival si chiude in due piccoli teatri storici della provincia di Ancona, in cui va in scena “Il Belcanto marchigiano”: sabato 3 settembre al Teatro Misa di Arcevia e sabato 10 settembre al Teatro Alfieri di Montemarciano.