TeatrOltre

TEORIA DELLA CLASSE DISAGIATA

13 aprile 2019

CHIESA DELLA SANTISSIMA ANNUNZIATA

Via dell'Annunziata 9

[PROGETTO DI RESIDENZA] [PRIMO STUDIO]

tratto dal libro di Raffaele Alberto Ventura
con Giacomo Lilliù, Matteo Principi
regia Giacomo Lilliù
drammaturgia Sonia Antinori
produzione MALTE, Collettivo ØNAR

“Immaginate un’azienda che fabbrica un certo tipo di macchina in previsione di una domanda molto ampia. Immaginate poi che la previsione si riveli completamente sbagliata: la domanda si è contratta e le macchine non si vendono. Immaginate allora tutte queste belle macchine, oramai inutili, abbandonate nei magazzini. O svendute. Smontate. Distrutte. Bene. Ora immaginate di essere una di quelle macchine.”
Pubblicato nel 2017 e presto divenuto un saggio di culto, Teoria della classe disagiata di Raffaele Alberto Ventura descrive una generazione cresciuta con il dovere morale di inseguire passioni, prosciugare patrimoni familiari e primeggiare nella scalata sociale, mentre oggi il terreno sembra franarle sotto i piedi – una classe media delusa, disforica, fin troppo acculturata, non più agiata, come diceva a fine Ottocento Thorstein Veblen, bensì disagiata.
Con questo spettacolo, la Teoria del libro si traduce nella pratica del teatro. Due “rappresentanti di classe” conducono questo varietà tragico in cui si fanno portavoce delle mistificazioni, delle fragilità, delle meschinità di se stessi e dei loro simili, barcamenandosi fra il ridicolo e il macabro, squadernando un album di parabole letterarie e filosofiche, scambiandosi il ruolo di ragione e sentimento, vittima e carnefice, sacerdote e sacrificato; sono l’economista e il bovarista, il Todestrieb e il Lebenstrieb della classe disagiata, gli officianti del funerale di un’illusione collettiva.

Info

orari 21:00

sabato 13 aprile 2019



Biglietti

Posto unico €8 Ridotto €6

Map

Mail